top of page

International Women's Day

8 marzo per me

La giornata internazionale delle donne è un giorno che sento in maniera molto profonda.

Nel settembre del1995, a 14 anni, ebbi la grande fortuna di ritrovarmi a Pechino in occasione della 4° Conferenza mondiale delle Donne. Non dimenticherò mai l'effervescenza di quei momenti. Ma soprattutto non dimenticherò mai che, in quel settembre 1995, nacque dentro di me una forte e meravigliosa consapevolezza: nel mondo ci sono tantissime donne che si impegnano per altre donne.

Oggi posso dire che dal 1995 sul mio cammino ho incontrato donne molto diverse. Alcune hanno cercato di farmi credere che non esiste un tema "donne", altre le possiamo etichettare come "donne che odiano le donne", ma la grande maggioranza sono donne che si impegnano per le altre donne.

Impegnarsi per altre donne non significa necessariamente sedersi alla conferenza di Pechino. Impegnarsi per altre donne per me significa fare rete tra donne.

In particolare, da quando sono uscita dal mondo aziendale per seguire la mia strada, la vita mi ha regalato incontri con donne pazzesche che mi hanno insegnato che impegnarsi per altre donne è qualcosa che possiamo fare tutti i giorni, basta fare rete.


Facciamo rete con Floriana Fontana

Per quanto sopra, in questa giornata ho deciso di dare voce all'esperienza di un'altra donna. Chef blogger e appassionata della sua terra, la Sicilia. Si chiama Floriana Fontana.

Di Floriana mi è piaciuta subito l'intraprendenza: prima dei 30 anni ha avuto il coraggio di buttarsi in quello che le piace, il mondo del food. Lei è riuscita a "pensarsi libera" giovane: dopo una laurea in giurisprudenza si è guardata allo specchio e ha capito che il blog di cucina che aveva aperto durante gli studi le dava più soddisfazioni rispetto ad uno studio legale.

Ma non era solo il blog: le prime esperienze in una bakery a Palermo, i catering, poi sous chef in un centro culturale sempre a Palermo e adesso executive chef di un hotel boutique di Mondello.

Dalla sua cucina gestisce un ristorante, che è fatto di ricette, ingredienti, ma anche di marketing, logistica, gestione. Il suo lavoro è quindi la cucina, ma anche tanta imprenditorialità.

A proposito di imprenditorialità femminile nella ristorazione, nel Rapporto ristorazione di Fipe-Confcommercio, nel 2021 le attività a titolarità femminile sono risultate il 28,5% del totale, un dato in crescita, ma che dovrebbe essere ancora sostenuto!

Nella gestione della ristorazione, le donne sono ancora una minoranza, ma persone come Floriana ci fanno ben sperare che il dato possa continuare a crescere.



La Sicilia, i progetti di Floriana e l'8 marzo


Oltre all'attività di chef, Floriana sente una missione che è quella di parlare della sua Sicilia. Floriana segue un progetto di antropologia del cibo relativo proprio alla Sicilia e il suo sogno è quello di poter presentare il progetto alle istituzioni del territorio.

L'antropologia del cibo è un territorio di passioni comuni tra me e Floriana. Raccontiamo due mondi diversi, lei la Sicilia, io il soul food e gli Stati Uniti, ma entrambe siamo mosse dalla volontà di fare conoscere storie che le persone non conoscono e che per noi sono bellissime!


Anche Floriana è una donna da rete e per questo oggi Floriana ha messo a disposizione della mia pagina il suo piatto d'autore di Uova di Quaglia in crosta su salsa di spinaci e mayo al mandarino, andate a leggerla qui. C'è un'interessantissima analogia tra il piatto e la figura della donna!


Grazie Floriana!

Grazie a tutte le donne che si impegnano per le altre donne.

Auguro a tutte di sentire l'impegno di qualche donna per voi. Credo che sapere che qualcuno pensa a noi dia una grande forza e ci faccia sentire meno sole nelle battaglie che si affrontano tutti i giorni.

Perché quelle ci sono sempre, ma noi siamo forti insieme.






166 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


bottom of page