top of page

Eggnog: un british american zabaione di prosperità per l'anno a venire

In Italia, per le feste, abbiamo lo zabaione.

Lo zabaione ha poi avuto delle mutazioni "genetiche" ed è diventato Vov e Zabov (vedi approfondimenti di seguito).

Nei paesi britannici e poi negli Stati Uniti, per le feste e in particolare per la fine/inizio dell'anno si beve l'eggnog.

Se avete ospiti, questa bevanda li stupirà e con un po' di alcool vi aiuterà a creare l'atmosfera giusta per la mezzanotte!!

Eggnog: la bevanda per brindare al nuovo anno

Come dice il nome egg - nog, si tratta di una bevanda a base di uova come lo zabaione. Per quanto riguarda la parola nog ci sono varie teorie sul nome. Ho deciso di fidarmi di quanto dice Britannica, e quindi pare che nogging in scozzese e irlandese stesse per tazza (https://www.britannica.com/topic/eggnog).

La bevanda, originaria del 14° secolo, era considerata In Gran Bretagna un "lusso" perché fatta con ingredienti rari e dispendiosi quali la panna e l'alcool, per questo si beveva con l'anno nuovo: un auspicio di prosperità per l'anno a venire.

L'eggnog entrò poi nella cultura americana nel 1775 con George Washington che la servì ad un ricevimento natalizio.

Oggi l'eggnog è diventato una drink molto diffuso a carattere industriale. Mio marito, ad esempio, non aveva mai assaggiato l'eggnog fatto in casa.

Ma in Italia siamo alle solite: il prodotto non c'è e quindi si fa in casa!!

Qui di seguito la mia ricetta.


Ingredienti (per 3 persone)

  • 3 tuorli d'uovo

  • 50 gr (1/4 cup) di zucchero semolato

  • 120 ml (1/2 cup) di panna liquida

  • 240 ml (1 cup) di latte

  • un pizzico di sale

  • mezzo cucchiaino scarso di noce moscata (qui dipende poi dai gusti)

  • una punta di estratto di vaniglia (1/8 teaspoon)

  • cannella per il topping

  • alcool a piacere tra rum, whisky, brandy, bourbon


Preparazione

  • Unite i rossi delle uova con lo zucchero e montate fino a quando non saranno leggere e cremose, con un colore quasi bianco

  • In un pentolino, unite la panna liquida, il latte, la noce moscata e un pizzico si sale. Mettete sul fuoco e mischiate facendo attenzione a non fare bollire.

  • A questo punto cominciate a stemperare le uova unendo un cucchiaio di latte al composto delle uova. Ripetere l'operazione con la metà circa del latte.

  • Versare il latte e le uova nuovamente nel pentolino e accendere il fuoco.

  • Mescolate qualche minuto, fino a quando il liquido non si è leggermente addensato. Si addenserà ancora mentre si raffredda in frigo.

  • Togliete dal fuoco e aggiungete la vaniglia (eviterei di aggiungere l'alcool se ci sono bambini, l'alcool si può aggiungere comodamente anche dopo).

  • Filtrate il liquido e coprite con la pellicola.

  • Mettete in frigorifero e lasciate raffreddare per almeno un'ora.

  • Quando pronto per servire, spargete un po' di cannella.

Idee per servire

Il mio consiglio per servire è il seguente: mettete l'eggnog in un recipiente da punch con un cucchiaio. Accanto al recipiente mettete i superalcolici che meglio si abbinano con l'eggnog, quindi rum, whisky, etc.

Lasciate che siano i vostri ospiti a decidere se mettere l'alcool, in quale quantità, quale tipologia.

Lasciate che i vostri ospiti si intrattengano provando diverse versioni di eggnog. Arriverete a mezzanotte in un baleno! E soprattutto potranno bere l'eggnog tutti: grandi, piccini e astemi (anche se sono pochi).


Approfondimento zabaione, vov, zabov

Zabaione, vov, zabov sono i drink delle feste di casa - tutte preparazioni a base di zabaione che ricordiamo essere semplicemente un mix di 3 ingredienti: tuorli, zucchero e vin santo. Origini dello zabaione? Incerte - se la giocano apparentemente i Gonzaga, quindi Mantova, con Caterina de'Medici, quindi Firenze (anche se poi si sposta in Francia), anche se qualcun altro ne vede le origini a Reggio Emilia, con il capitano Giovanni Paolo Baglioni .

Origini certe invece e venete per il Vov, che oltre a tuorli e zucchero, vede l'inserimento di latte, vaniglia, marsala e alcool (forse anche un pizzico di limone). Il Vov, come lo Zabov, diventa un brand.

Nella mia infanzia ricordo di aver intravisto qualche bottiglia, ma mi sembra che negli anni questi brand abbiano perso di visibilità. Bisognerebbe chiedere a Distillerie Moccia che producono Zabov.

28 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

1 comentário


Carlotta Vitale
Carlotta Vitale
28 de dez. de 2022

Ottima scoperta…😋

Curtir
bottom of page